london

Qualche pensiero su Londra per conoscermi

Ciao cari lettori!

E si, è giunto il momento di farmi conoscere meglio, da parte mia finora avete letto solo qualche consiglio tecnico, e di me si sa ben poco. Però vi rassicuro, fa parte del mio carattere tenere le cose strette a me.

Vi racconto una storia.

Non sapevo a cosa mi avrebbe portato iniziare a scrivere un blog tutto mio, in cui do consigli, scrivo sulle città che visito ecc…  e devo ammettere che la cosa mi piace, anche molto… ma sento una mancanza… è come se sentissi che ciò che scrivo non è sufficiente per rendere il blog mio… manca la mia impronta, e con questo articolo voglio iniziare a lasciarla a tutti voi che mi state seguendo e leggete i miei articoli.

Londra, da un punto di vista, è la mia città preferita. E’ la città in cui riesco a respirare un’aria diversa, che non è data da monumenti e musei, ma da una sensazione che si prova camminando nella città stessa. E’ quella città in cui senti che qualsiasi cosa è realizzabile, dove il mondo ti scorre davanti agli occhi e milioni di vite vengono a contatto, ognuna con una storia da raccontare e un sogno da realizzare. Perché Londra è la città dei sogni. In ogni istante si ha la sensazione che può succedere qualcosa, qualcosa di nuovo, che può cambiare la tua vita, qualcosa capace di aprire quel cassetto dei sogni e dire “finalmente l’ho realizzato”. E non importa se cadi o sbagli, Londra ti concederà la possibilità di rialzarti e di riprovarci rimediando ai tuoi errori.

WP_20161129_13_56_04_Pro

Se mi chiedessero “andresti a vivere a Londra? E se si, perché?”

Risponderei si (tipicamente sono un tipo da si-no-forse e si ferma, non dando molte spiegazioni, ma quando le do tipicamente sono di questo tipo), perché se dovessi fare un disegno della mia vita fino ad ora, vi direi di immaginare un foglio bianco con sopra tanti puntini che negli ultimi anni sono stati disegnati da una matita, e Londra sarebbe quella linea capace di unirli tutti.

E’ di questo che vi voglio parlare, di tutti questi puntini, oltre che di tutti i vari consigli che continuerò a scrivere, e motivo per il quale tutti voi mi seguite. Magari un giorno vi parlerò anche della matita (che più che matita è una penna indelebile), ma per ora vi è sufficiente sapere che è la mia compagna di viaggio che mi accompagna in ogni mia avventura… si, anche in quella di Londra.

Prima di chiudere voglio lasciarvi un piccolo video fatto da Ollie Ritchie, uno Youtuber australiano, che reputo il mio video preferito su Londra per riprese e musica. Buona visione cari lettori, e a presto!

Link schermo intero

Per le famiglie delle vittime di Londra.

Michele di SaveandFly

Passate dal canale di Ollie Ritchie

Annunci

15 pensieri riguardo “Qualche pensiero su Londra per conoscermi”

  1. Mi permetto per il puro piacere del dibattito di commentare con una domanda a tutti voi:
    Conoscete San Francisco la città dei figli dei fiori, la città dove davvero ai giovani tutto è permesso oppure New York dove basta avere una piccola idea per farla diventare un capolavoro. Oppure Barcellona o Madrid dov’è il tempo scorre lento e c’è tempo per tutto…
    Londra è sicuramente piena di attrattive (sempre di meno oggi con la brexit di 20 annifa)…
    Neppure Bruce Chatwin sulla sua moleskine di turno ha mai azzardato paragoni così difficili.
    Sheraconsimpatia

    Piace a 2 people

    1. Cara Donatella e Michele, vi ringrazio per il ‘like’ al mio articolato commento che credo nell’ambito di un dibattito su una scelta o su un pensiero andrebbe considerato in modo più esaustivo.
      sherazadedelikexcortesia

      Mi piace

      1. Ciao Sherazade. Non sono un amante dei dibattiti, li lascio fare agli altri tipicamente, rimanendo comunque sulle mie idee, pro o contro che siano, un po per carattere, abbastanza timido da parte mia, e un po perchè credo che ognuno sia libero di pensare ciò che vuole. Dall’articolo traspare chiaramente ciò che io penso di Londra, Bruce Chatwin a parte, che sarà sicuramente più preparato di me sull’argomento, ma questo è tutto ciò che penso io, ciò che la città mi ha mandato, ciò che mi ha fatto vivere sulla pelle.
        La verità è che ognuno di noi vive un viaggio in maniera diversa, storie che ascolti, compagni di viaggio, persone che ti passano davanti, e molteplici altre cose possono influenzare l’idea di ciò che stai osservando e il modo in cui poi racconterai la tua di storia, che non sarà mai totalmente uguale a quella di un’altra persona.
        Non sono mai stato in America, ne a Madrid e ne a Barcellona (che attualmente, dato che hai citato la brexit, non se la passano meglio politicamente parlando, ma questo è un discorso che va affrontato a parte e soprattutto su altre basi) ma questa è la mia storia di Londra, è un pezzetto della mia vita, tutto qui 😀
        Con affetto, Michele (ho scritto io l’articolo)

        Mi piace

        1. Permettimi il blog e condivisione di idee e queste idee a volte soprattutto se sono diverse si dovrebbe avere la compiacenza di prenderli in considerazione.
          Nessuna paura mancando il dialogo non sono persona da like Vi faccio un inchino e vi auguro buone cose.
          Shera

          Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...